Articoli

Dispositivi
_
IoT
_
per
_
garantire
_
efficienza
_
a
_
casa
_
e
_
in
_
azienda

Soluciones Cloud  ·  Trasformazione digitale

Con l’internet delle cose e la tecnologia 5G arriva l’implementazione definitiva di macchine e dispositivi collegati alla rete controllati e gestiti da apps, per garantire la sicurezza e il risparmio negli ambienti domestici e consentire la riduzione dei costi e il miglioramento dei processi aziendali.

Un incrocio, semaforo rosso per i veicoli stradali e verde per i pedoni. Nessun passante in attesa e una coda di auto in aumento. Automaticamente, il semaforo diventa verde e in pochi secondi la coda dei veicoli si dissolve. Un letto articolato in grado di modificare la posizione dell’utente quando il sistema, via app mobile, rileva il russare per cambiare automaticamente la postura con l’obiettivo di garantire la qualità del sonno. Un bracciale intelligente che permette di rilevare le aritmie in tempo reale per la prevenzione dell’ictus.

Contenitori di riciclaggio che riportano il loro livello di riempimento permettendo di pianificare il percorso di raccolta in marcia. E, come questi, altre centinaia di casi che hanno in comune la connessione di un dispositivo fisico e quotidiano con l’IoT (Internet of Things) per trasmettere i dati alla rete.

La crescita dei dispositivi collegati all’Internet delle cose è esponenziale e, a seconda di chi è il soggetto beneficiario di tale connessione, ha un’utilità diversa, solitamente di grande valore.

>Quando la connessione di macchine o apparecchi è vincolata all’internet delle cose da parte delle imprese o per la prestazione di servizi si ottiene l’automazione dei processi, il che si traduce in efficienza: riduzione dei costi, dei tempi e miglioramento dei risultati.

I vantaggi riguardano settori diversi come l’agricoltura e l’ambiente, gli edifici e le smart cities e i servizi pubblici. Ditrendia indica che le aziende puntano all’uso e allo sviluppo di dispositivi collegati per motivi quali la riduzione dei costi (44%), il miglioramento dei processi (37%), la produttività (33%) o la competitività (33%).

Quando la connessione del dispositivo alla rete interessa il consumatore finale riesce a migliorare la qualità di vita dell’utente o, semplicemente, a renderla più facile. Ci rendiamo la vita più facile quando possiamo cucinare in remoto dal nostro cellulare grazie alla connessione tramite un’app con il robot da cucina e guadagniamo in qualità di vita quando dopo un viaggio nel fine settimana, arriviamo a casa e la temperatura è piacevole grazie al riscaldamento programmato.

Le ragioni che portano gli utenti ad utilizzare dispositivi connessi? Sicurezza (72%), risparmio di tempo (57%) e risparmio di denaro (45%), come indica il Rapporto Ditrendia Mobile in Spagna e nel Mondo 2020.

Il cellulare come attivatore

Gran parte dei dispositivi collegati ad internet possono essere controllati da applicazioni, quindi lo smartphone si posiziona come attivatore. Quando parliamo dell’esperienza dell’utente finale e del collegamento di apparecchi alla rete (veicoli, elettrodomestici, abbigliamento, ecc.), il cellulare è lo strumento che permette di centralizzare i dati trasmessi dal dispositivo, in modo che l’utente possa controllarne l’uso e monitorarne l’attività.

In questo senso, come indicato da Deloitte nello studio sul Consumo Mobile in Spagna, i dispositivi IoT con maggiore penetrazione sono quelli relativi all’intrattenimento, al comfort e alla sicurezza in casa, insieme ai sistemi di illuminazione e climatizzazione intelligente.

Più che un prodotto o un servizio, l’utente cerca un’esperienza  

Perché puntare sullo sviluppo di apps collegate a dispositivi e servizi complementari per il cliente finale?

Consulta progetti

Tecnologia 5G

L’Internet delle cose è responsabile dell’aumento degli apparecchi collegati ad internet e, insieme all’irruzione della tecnologia 5G, che amplierà la capacità della rete, si prevede lo sviluppo di più applicazioni incentrate principalmente sul controllo delle abitazioni intelligenti.

Dai sensori che rilevano perdite d’acqua, fughe di gas o incendi, passando per il controllo di porte, persiane, finestre, rilevatori di intrusione o climatizzazione a distanza, fino a raggiungere i dispositivi indossabili che possono segnalare avvisi se l’utente ha bisogno di assistenza medica. Con l’Internet delle cose, gli utenti possono controllare la propria casa e la propria attività tramite il cellulare.

A livello globale, le vendite di dispositivi indossabili aumentano ogni anno. Secondo Ditrendia, nel primo trimestre del 2019, le vendite di questi dispositivi connessi hanno raggiunto 49,6 milioni di unità (55,2% in più rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente). In particolare, gli orologi intelligenti hanno rappresentato il 62% della quota di mercato.

 
Fuente: IA

“La migliore gestione delle reti mobili, anche nei siti a bassa copertura, e la potente riduzione dei tempi di attesa in rete (latenza) sono i grandi propulsori del decollo dei dispositivi collegati all’Internet delle cose (IoT)”.

 
Osservatorio Vodafone.

Si prevede che, entro la fine del 2020, più di 50 miliardi di dispositivi saranno collegati e invieranno informazioni alla rete.

Secondo la società di consulenza Gartner, la maggior parte sono dispositivi di consumo, dagli altoparlanti intelligenti agli orologi e alle serrature delle porte. Il resto si applica alle aziende: dispositivi medici, sensori per motori, robot industriali o controllori HVAC.

Il duo perfetto: dispositivo e app

Aziende come Miniland, che con uno sviluppo specifico come la app EmyBaby, hanno posizionato la società nella gamma di prodotti tecnologici, contribuiscono alla differenziazione del mercato.

Lo sviluppo di applicazioni connesse a dispositivi, macchinari o servizi permette alle imprese di adattarsi al mercato e di raggiungere un consumatore che non cerca solo l’acquisto di prodotti e servizi, ma anche un’esperienza di acquisto e di consumo.

Il letto anti-russamento, il braccialetto che permette di rilevare aritmie, i semafori che gestiscono il traffico in modo intelligente o i container che inviano informazioni sul volume di riempimento per ottimizzare la pianificazione dei percorsi di raccolta sono solo il punto di partenza di una reale domanda da parte di consumatori e compagnie per migliorare l’esperienza dell’utente e i risultati aziendali e che, attualmente e grazie allo sviluppo della tecnologia che rende possibile il collegamento, dispone di tutti i requisiti per soddisfare la crescita esponenziale indicata dalle previsioni.

Hai bisogno di maggiori informazioni o consigli? Contattaci.

Chiamaci

964 377 943

Parla ora con un consulente Cuatroochenta

silenzze-form

Contatto

Torna in cima